Parco archeologico Neapolis Siracusa

Pubblicato il August 19, 2012

Indietro

Il Parco Archeologico Neapolis rappresenta l’antica Grecia nel suo massimo splendore e comprende gran parte dei monumenti classici presenti a Siracusa. E’ stato allestito grazie all’ausilio dei fondi della Cassa per il Mezzogiorno tra il 1952 ed il 1955, con l’obiettivo di raggruppare e facilitare la visita turistica dei monumenti dell’importante quartiere storico Neapolis. Prima della costituzione di questo “Parco”, dall’estensione di 240.000 mq., i monumenti si trovavano in un contesto molto disordinato gestito da proprietà private. Entrando nel parco è possibile ammirare la “Basilica di S. Nicolò dei Cordari” (XI secolo d.c.), che oggi accoglie l’ufficio turistico di benvenuto. A pochi metri di distanza è presente l’“Anfiteatro Romano” (II-IV secolo d.c.), posto quasi di fronte alla basilica, che rappresenta una delle realizzazioni più rappresentative della prima età dell’impero romano.
 
A Ovest dell’Anfiteatro Romano si visita l’“Ara di Ierone II” (III secolo a.c.), che caratterizza la terza grande opera monumentale scoperta nel parco storico. Più avanti, ma sempre nelle immediate vicinanze, ci si reca al “Teatro Greco” (V secolo a.c.) che è il più grande teatro siciliano, tra i maggiori dell’intero mondo greco. Il teatro greco è famoso in tutto il mondo e ancora molto attivo grazie alle periodiche ed annuali “Rappresentazioni Classiche” a Siracusa gestite magistralmente dall’INDA, Istituto Nazionale Del Dramma Antico.
 


Ed ancora nel parco incontrano le “Latomie”, tra cui la più nota è sicuramente la “Latomia del Paradiso”, attraverso la quale si arriva all’“Orecchio di Dionigi”, che costituisce la maggiore attrazione, con il teatro greco, per i turisti che visitano la città di Siracusa, sia per la sua imponenza che per la sua forma caratteristica. Fuori dal recinto del Parco, più a Sud, vi è un Teatro Arcaico scavato nella roccia, noto come “Teatro Lineare”.
 
Ai limiti orientali del Parco Archeologico, visibile dall’esterno, vi è la “Necropoli Grotticelle”, con le sue numerose tombe scavate nella roccia, tra cui la “Tomba di Archimede” ai piedi quasi di un enorme albero secolare di incredibili dimensioni.

Lascia la tua opinione

I campi contrassegnati (*) sono obbligatori. L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *